legge 33 1


legge 33 2

QUI SOTTO LO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA
DI POLITICHE IN FAVORE DELLE PERSONE ANZIANE, IN ATTUAZIONE
DELLA DELEGA DI CUI AGLI ARTICOLI 3, 4 E 5 DELLA LEGGE 23 MARZO
2023, N. 33

Schema decreto legislativo legge 23 marzo 2023 n. 33

post sito web page 0001 copia ridotta  

le RSA vanno collocate a pieno titolo nel SSR: oggi il degente

in RSA è una persona non autosufficiente con bisogno sanitario e

sociosanitario tale da non poter essere curata al proprio

domicilio. Ricordiamo che le Rsa sono strutture

accreditate dal SSR rientranti nei Lea, articolo 30 del

Dpcm 12 gennaio 2017 e che già devono garantire le cure

di lunga durata, come stabilito dal Consiglio di Stato con la sentenza n. 1858/2019.

Puoi ascoltare gli interventi dei relatori al convegno di Milano del 17 novembre scorso collegandoti qui sotto

Le RSA per il malato cronico non autosufficiente nel Sistema Sanitario Nazionale

articolo webinar 14 12 2023 page 0001 1

 

post sito web page 0001

 PERCHE' NON ACCADA PIU'! 

Il CDSA è impegnato sin dal periodo della pandemia per rivendicare il diritto alle cure sanitarie e socio sanitarie delle
persone anziane malate non autosufficienti.
La pandemia ha portato a riconoscere che gli anziani non autosufficienti sono persone affette da pluripatologie, per cui
malate da curare sia nel proprio domicilio, sia quando si rende necessario il ricovero in strutture sanitarie.
Purtroppo, la mancanza di adeguate risposte sia a livello territoriale che ospedaliero ha fatto sì che la maggior parte
delle persone anziane con problemi di malattie croniche non trovi cure adeguate

L'art.32 della Costituzione Italiana attribuisce allo Stato l'onere e la tutela della salute dei cittadini  come bene per la collettività e diritto fondamentale (1948).

A dare attuazione a tale diritto arriva 30 anni più tardi la legge 833/1978 istituendo quello che tutto il mondo ci ha invidiato: il Sistema Sanitario Nazionale finanziato, tra le altre cose,  dalla fiscalità pubblica. (1978).

Oggi abbiamo davanti a noi il risultato delle scelte politiche di governo degli ultimi 30 anni: il lento ma inesorabile smantellamento della Sanità Pubblica in totale inosservanza del diritto costituzionale.

Le promesse della missione 5 e 6 del PNRR si stanno rivelando insostenibili:mancano fondi, mancano medici, mancano infermieri.

La legge 33/2023 per la Non Autosufficienza fa anche di meglio: migra i malati non autosufficienti dal SSN al Sistema Non Autosufficienza (SNAA) afferente al comparto sociale e non a quello sanitario, nel primo il diritto alle prestazioni è esigibile, nel secondo No. 

I numeri dell'inchiesta condotta in alcune regioni del Nord Italia e nel Veneto devono quanto meno farci riflettere e farci agire per preservare il SSN. Qui sotto il collegamento al servizio inchiesta condotto da Report

Inchiesta Sanità Pubblica "Quando c'è la salute..."

 

 

LogoDianaOri

Webnar 9:

Segui l'intervento dell'Associazione Diritti Non Autosufficienti

Di.A.N.A. Onlus  cliccando sul link sottostante

Non siamo soli L'associazionismo a sostegno del malato   

Locandina EuNoCancer page 0001

 

L’interruzione della continuità delle cure per i malati non autosufficienti non è mai legittima.

Un problema che interessa tutte le regioni italiane, a partire dall'intasamento dei Pronto

Soccorso, dove si attende un posto letto in